Festa Provinciale del Cuoco

Socialità e condivisione, insieme per l’associazione

Dopo la bellissima partecipazione alla festa del Cuoco a livello nazionale svoltesi a Matera, ove hanno preso parte una folta rappresentanza di cuochi catanzaresi. Eccoci a distanza di una settimana a festeggiare in un’altra straordinaria cornice di uno dei tanti Borghi della provincia di Catanzaro che, in modo itinerante  dalla sua istituzione, si svolge la sua Festa del Cuoco, nel giorno della nascita di San Francesco Caracciolo (Villa santa Maria, 13 ottobre 1563 – Agnone, 4 giugno 1608), Patrono dei cuochi italiani, fondatore dell’ ordine dei chierici regolari minori, la cui festa cade il giorno 04 del mese di giugno.

Foto alla fine dell’articolo 🙂

La città natale di  Andrea Cefaly, Cortale,  ha accolto centinaia di cuochi provenienti da tutta la provincia, per festeggiare il Santo Patrono con in testa il Sindaco Francesco Scalfaro ed il sindaco di Jacurso in rappresentanza dell’Unione dei Comuni di monte Contessa ed bimbi e ragazzi dell’Istituto Comprensivo Cortale – Girifalco.

Le attività si sono aperte con il raduno a Piazza Italia dove le attività hanno preso il via con l’intonazione dell’Inno di Mameli in un unico grade coro, da qui un lungo corteo si è snodato per le vie cittadine aperto dal gruppo folcloristico i Curtalisi città di Cortale, seguito dai bambini e ragazzi dell’ Istituto Comprensivo. di seguito i dirigenti dell’APCCZ e i tanti cuochi, il sindaco Cittadino, e le diverse autorità presenti, seguiti dai tanti ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Lamezia Terme,  Soverato e Sersale\Botricello\Taverna accompagnati dai rispettivi docenti fino a raggiungere la chiesa di Santa Maria Cattolica ove si è svolta la messa in onore del Santo. 

Officiata dal parroco di Cortale Don. Luca Gigliotti ed il cappellano dell’Associazione Don Enzo Iezzi. Durante l’Omelia il Parroco ha ricordato che la Messa è l’esempio più alto della condivisione della mensa. Prendendo spunto di questo, ha ricordato che la mensa, non è ricca perché possediamo molto ma perché la condividiamo con quelli che sono a noi vicini e hanno più bisogno. Noi oggi siamo abituati ad accumulare per sentirci ricchi. Questa è la tentazione! L’importanza del superfluo. Oggi le persone si sentono importanti solo perché riescono ad avere più liki sui social. La mensa è condivisione e non si mangia soltanto per riempirci la pancia, ma ci si nutre per condividere la vita.

Nell’occasione il Senatore  Fic, Francesco Mungo, ha voluto donare un quadro personale con l’effige di San Francesco Caracciolo alla comunità di Cortale che sarà custodito nella chiesa Matrice della cittadina, con questo gesto il Presidente onorario URC Cal. ha voluto rinsaldare la sua appartenenza al sua città natale. Al Sen. Fic. Mungo  il Presidente dell’associazione ha consegnato un riconoscimento per il costante impegno all’interno dell’associazione.

Il sindaco ha voluto ringraziare quanti hanno voluto partecipare e reso possibile la riuscita di questa manifestazione. ed in particolare le istituzioni scolastiche che sono stati presenti e quanti con il loro contributo hanno reso possibile questa straordinaria manifestazione.

Il Presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi Catanzaresi Domenico Origlia ha ringraziato tutti i cittadini di Cortale che hanno saputo accogliere a braccia aperte senza riserve alcuna, tutti i cuochi della provincia, condividendo con noi questa bellissima giornata di ricordo e condivisione.

Un ringraziamenti particolare per l’impegno organizzativo della manifestazione alla Lady Chef Tina Siniscalco che insieme a tanti\e collaboratori\trici, ha saputo superare tutti i problemi organizzativi per regalarci un momento di socialità associativa. Naturalmente non sono mancati i ringraziamenti alle scuole partecipanti e all’Amministrazione comunale con in testa il sindaco Scalfaro.  Un grazie e andato ai tanti cuochi che hanno voluto e potuto condividere in modo fattivo questa giornata all’insegna della socialità associativa e a tutti quelli che sono stati impegnati dietro le quinte.

Al termine della cerimonia religiosa nella vicina piazza si è conclusa con la degustazione di tanti piatti tipici della cucina calabrese ed in particolare di quella della città di Cortale, in cui si sono impegnati tanti cuochi dell’associazione e diversi volontari coinvolti nell’iniziativa.

La giornata è stata allietata dal gruppo folkloristico i Curtalisi, che con la loro musica tradizionale hanno saputo risvegliare in molti lo spirito di appartenenza alla propria terra.

I Caraccilini (dolci coniati dall’APC.Cz)

Ufficio Stampa – Francesco Corapi

Questa voce è stata pubblicata in Associazione. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *